Tecnica e fascino della Fotografia Street a cura di Vincenzo Amarante

Tecnica e fascino della Fotografia Street a cura di Vincenzo Amarante è una serata dedicata alla Street Photography. Una chiacchierata in “pillole” su questo interessantissimo genere fotografico.

 

Street Photography
Street Photography

Venerdì 19 marzo 2021, ore 21.00 sulla piattaforma Zoom l’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma ha il piacere di ospitare Vincenzo Amarante, fotografo e docente del Dipartimento Didattica FIAF, per una serata interamente dedicata alla fotografia in bianco e nero.

Argomenti trattati:

  • il fascino
  • gli strumenti
  • la tecnica
  • i luoghi
  • lo stile
  • stampa e pubblicazione

Vincenzo Amarante, appassionato di fotografia da sempre. Un passato da professionista iniziato da adolescente con la gavetta  in un laboratorio di sviluppo e stampa in Bianco e Nero. Esperto in elettronica e informatica ha sempre cercato il giusto connubio tra tecnologia e creatività fotografica. Amante di tutti i generi fotografici, dall’astrofotografia del cielo profondo allo street e al ritratto. Responsabile per la formazione del Gruppo Foto Cral Telecom BFI di Roma (FIAF n.1996) e presidente dal 2014 al 2019.

L’appuntamento è venerdì 19 marzo 2021 ore 21:00 on line. I partecipanti riceveranno link di collegamento tramite zoom nel gruppo soci di Tempo e Diaframma di Whatsapp.

Per una migliore organizzazione vi chiediamo gentilmente di confermare la propria presenza tramite messaggio su WhatsApp, in modo da poter organizzare la serata. Non saranno considerate “adesione” i parteciperò messi a questo evento su FB.

Per partecipare bisogna essere soci dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma e in regola con il tesseramento dell’anno 2021. Per potersi tesserare, sul sito dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma, alla pagina  Tesseramento si trovano tutte le informazioni e i vantaggi.

Evento online nell’ambito dell’offerta di contenuti proposti ai Circoli e ai Soci dai Dipartimenti FIAF.

“Bianco e Nero digitale” a cura di VINCENZO AMARANTE

Impariamo a creare fotografie come i grandi maestri del bianco e nero e sveliamo i segreti della pellicola applicati al digitale. Una serata dedicata alla creatività elevata all’ennesima potenza grazie alle infinite possibilità offerte dalle nuove tecnologie applicate alla fotografia digitale.

 

“Bianco e Nero digitale” a cura di VINCENZO AMARANTE
Bianco e nero digitale

Venerdì 12 marzo 2021, ore 21.00 sulla piattaforma Zoom l’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma ha il piacere di ospitare Vincenzo Amarante, fotografo e docente del Dipartimento Didattica FIAF, per una serata interamente dedicata alla fotografia in bianco e nero.

Argomenti trattati:

  • Gamma dinamica e concetti di HDR
  • La Previsualizzazione
  • Dall’assenza di colori al Bianco e Nero
  • Desaturazione, pellicola e risposta spettrale
  • Sistema zonale
  • Il workflow in Bianco e Nero digitale
  • Impostazione fotocamera e scatto in B/N
  • Workflow Post-Elaborazione
  • Parte pratica con esempi di post-elaborazione in B/N, dal raw alla stampa

Leggi tutto

“Leggere le immagini” a cura di Raimondo Musolino

“Leggere le immagini”  è un serata di fotografia online a cura di Raimondo Musolino dedicata ad approfondire una domanda che i fotografi si fanno spesso: “Quali elementi considerare per leggere una fotografia?”

 

Leggere le immagini
Leggere le immagini

Venerdì 5 marzo 2021, ore 21.00 sulla piattaforma Zoom l’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma ha il piacere di ospitare Raimondo Musolino, fotografo e docente del Dipartimento Didattica FIAF, per una serata interamente dedicata a capire come si legge una fotografia.

“Come possiamo “leggere” una fotografia? Quali sono gli elementi da seguire: il cuore o il cervello, l’emozione o la riflessione, lo studio o la pancia? Rifacendoci a Roland Barthes, la fotografia è un messaggio senza codice, non esiste un dizionario dove trovare la spiegazione dei segni presenti in una immagine, come non esiste un dizionario che associ significati precisi a un sasso o a una sedia o a una nuvola. Le fotografie, che di quelle cose sono tracce fisiche restano cose che si fanno “segno”, non come parole che “significhino” qualcosa di preciso. Allora come mi pongo di fronte ad una fotografia? Come faccio a dare un giudizio di valore (mi piace, non mi piace) se prima non “leggo” il suo contenuto. Infatti chi guarda una fotografia dovrebbe assumersi l’impegno di approfondirla, non solo di guardarla. Ma come spesso accade il fruitore (colui che guarda la foto) non ha gli strumenti adatti per giudicare e valutare una fotografia. Come è vero che anche molti fotografi non sono in grado di analizzare o leggere una foto. Questo percorso didattico cercherà di fornire alcuni elementi che potranno servire ad un approccio iniziale sulla lettura.”

Raimondo Musolino, nato a Taranto nel 1958, da oltre vent’anni è fortemente impegnato nel mondo della fotografia a livello culturale ed artistico. In FIAF dal 1991, è presidente del Circolo Fotografico “Il Castello” di Taranto. E’ stato insignito, nel 1995, dell’onorificenza di Benemerito della Fotografia Italiana dalla FIAF (Federazione Italiana delle Associazioni Fotografiche). La sua formazione deriva da una lunga e nutrita partecipazione a mostre e concorsi e dal rapporto frequente ed intenso con i grandi maestri della fotografia contemporanea, attraverso numerosi corsi, seminari e workshop. E’ impegnato come docente di fotografia presso enti pubblici e privati e insegna fotografia presso le scuole elementari, medie e superiori. Partecipa con altri a corsi di fotografia dove si occupa di composizione e di lettura e valutazione delle immagini. È docente del DiD (Dipartimento Didattica della FIAF) e, sempre per quest’associazione, ricopre i ruoli di giurato e lettore di immagini. Organizza e cura le mostre e gli eventi del Circolo Fotografico il Castello e, dal 2004, è anche direttore artistico dell’evento FotoArte che si svolge a Taranto da 12 anni. Ha ricoperto il ruolo di Coordinatore Artistico Regionale per la FIAF nel 2011 per il progetto “Passione Italia”. Dal 2014 è Delegato FIAF per la provincia di Taranto.

L’appuntamento è venerdì 5 marzo 2021 ore 21:00 on line. I partecipanti riceveranno link di collegamento tramite zoom nel gruppo soci di Tempo e Diaframma di Whatsapp.

Per una migliore organizzazione vi chiediamo gentilmente di confermare la propria presenza tramite messaggio su WhatsApp, in modo da poter organizzare la serata. Non saranno considerate “adesione” i parteciperò messi a questo evento su FB.

Per partecipare bisogna essere soci dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma e in regola con il tesseramento dell’anno 2021. Per potersi tesserare, sul sito dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma, alla pagina  Tesseramento si trovano tutte le informazioni e i vantaggi.

Evento online nell’ambito dell’offerta di contenuti proposti ai Circoli e ai Soci dai Dipartimenti FIAF.

Serata “Fotografie e ombre del sogno americano” a cura di Daniele Biffino

Il “sogno americano” è essenzialmente la convinzione che la sola propria capacità individuale possa permettere a chiunque, sul suolo degli Stati Uniti d’America, di perseguire il miglioramento della propria condizione economica e sociale; la storia ci racconta tuttavia che, per ciascun individuo che realizza il suo sogno americano, c’è ne è almeno un altro per il quale il sogno stesso rimane un puro miraggio. La fotografia non poteva non rimanere invischiata in questa storia: è stata ed è tuttora uno dei complici più coinvolti del “sogno” ma, anche, il più formidabile strumento di denuncia dei sogni non realizzati e dei veri e propri incubi della società statunitense.

Fotografie e ombre del sogno americano

Questo e tanto altro è stato ripercorso con i soci dell’ Associazione Fotografica Tempo e Diaframma nella serata “Fotografie e ombre del sogno americano” dedicata ai grandi fotografi americani a cura di Daniele Biffino, fotografo e collaboratore del Dipartimento Didattica FIAF.

Una digressione tra storia e fotografia nella quale si parlerà, tra l’altro, di Jacob Riis, Lewis Hine, dei fotografi della Farm Security Administration e di Margaret Bourke White, con uno sguardo anche al mondo dorato della “fotografia animata” di Hollywood ed alla sua capacità di alimentare il “sogno” così come di raccontarne gli inganni.

Leggi tutto

“Fotografie e ombre del sogno americano” a cura di Daniele Biffino

“Fotografie e ombre del sogno americano” è un serata di fotografia online dedicata ai grandi fotografi americani a cura di Daniele Biffino.

 

Fotografie e ombre del sogno americano
Fotografie e ombre del sogno americano

Venerdì 26 febbraio 2021, ore 21.00 sulla piattaforma Zoom l’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma ha il piacere di ospitare Daniele Biffino , fotografo e docente FIAF, per una serata interamente dedicata alla fotografia del sogno americano.

Il “sogno americano” è essenzialmente la convinzione che la sola propria capacità individuale possa permettere a chiunque, sul suolo degli Stati Uniti d’America, di perseguire il miglioramento della propria condizione economica e sociale; la storia ci racconta tuttavia che, per ciascun individuo che realizza il suo sogno americano, c’è ne è almeno un altro per il quale il sogno stesso rimane un puro miraggio. La fotografia non poteva non rimanere invischiata in questa storia: è stata ed è tuttora uno dei complici più coinvolti del “sogno” ma, anche, il più formidabile strumento di denuncia dei sogni non realizzati e dei veri e propri incubi della società statunitense.
Una digressione tra storia e fotografia nella quale si parlerà, tra l’altro, di Jacob Riis, Lewis Hine, dei fotografi della Farm Security Administration e di Margaret Bourke White, con uno sguardo anche al mondo dorato della “fotografia animata” di Hollywood ed alla sua capacità di alimentare il “sogno” così come di raccontarne gli inganni.

Daniele Biffino, nato a Taranto nel 1969 e cresciuto in provincia, a Statte, dove tutt’ora vivo ed esercito la professione di Architetto.
“Ho imparato molto presto a tenere in mano una fotocamera e ad orientarmi tra distanze focali, tempi e diaframmi; a partire dal periodo degli studi universitari la fotografia è diventata uno strumento di lettura e conoscenza del mondo intorno a me, e non solo per le esigenze tecnico-documentarie.
A partire dal 2009 l’attività fotografica comincia a impegnare spazi rilevanti: scopro il mondo delle associazioni amatoriali ed inizio a frequentare le attività organizzate dal Circolo Il Castello di Taranto; l’anno successivo mi associo al Circolo Fotografico Controluce di Statte. Proprio la frequentazione del circolo Controluce, del quale sono anche vicepresidente a partire dal novembre 2014, mi ha permesso di prendere parte attiva a varie attività di carattere fotografico; tra queste l’organizzazione delle mostre collettive del circolo, di seminari e workshop (in particolare quelle inserite nell’ambito del Festiva Fotoarte Puglia, al quale il circolo partecipa dal 2010) oltre che di alcuni corsi di fotografia (nell’ambito dei quali ho affrontato argomenti legati alla storia della fotografia ed alla fotografia come mezzo di comunicazione).
Ho partecipato a letture portfolio ed altri eventi a carattere fotografico sia in Taranto e provincia sia fuori. Sono iscritto alla Federazione Italiana Associazioni Fotografiche dal 2011 e, a partire dal 2017, sono collaboratore del Dipartimento Didattica.”

L’appuntamento è venerdì 26 febbraio 2021 ore 21:00 on line. I partecipanti riceveranno link di collegamento tramite zoom nel gruppo soci di Tempo e Diaframma di Whatsapp.

Per una migliore organizzazione vi chiediamo gentilmente di confermare la propria presenza tramite messaggio su WhatsApp, in modo da poter organizzare la serata. Non saranno considerate “adesione” i parteciperò messi a questo evento su FB.

Per partecipare bisogna essere soci dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma e in regola con il tesseramento dell’anno 2021. Per potersi tesserare, sul sito dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma, alla pagina  Tesseramento si trovano tutte le informazioni e i vantaggi.

Evento online nell’ambito dell’offerta di contenuti proposti ai Circoli e ai Soci dai Dipartimenti FIAF.

Tecnica e fascino della Fotografia Street a cura di Vincenzo Amarante

Tecnica e fascino della Fotografia Street a cura di Vincenzo Amarante è una serata dedicata alla Street Photography. Una chiacchierata in “pillole” su questo interessantissimo genere fotografico.

Street Photography
Street Photography

Venerdì 19 marzo 2021, ore 21.00 sulla piattaforma Zoom l’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma ha il piacere di ospitare Vincenzo Amarante, fotografo e docente del Dipartimento Didattica FIAF, per una serata interamente dedicata alla street photography.

Argomenti trattati:

  • il fascino
  • gli strumenti
  • la tecnica
  • i luoghi
  • lo stile
  • stampa e pubblicazione
Leggi tutto

“Aleksander Rodchenko” a cura di Marco Brioni”

“Aleksander Rodchenko” è una serata di Fotografia online a cura Marco Brioni.

Aleksander Rodchenko
Aleksander Rodchenko

Giovedì 25 marzo 2021, ore 21.00 sulla piattaforma Zoom l’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma ha il piacere di ospitare Marco Brioni, Docente FIAF, fondatore di Frammenti di fotografia, per una serata interamente dedicata a Aleksander Rodchenko.

La “visione” di Rodchenko, il suo modo originale e ardito di guardare alla realtà, ebbe una vasta eco non solo sulla generazione dei fotografi a lui contemporanei, ma travalicò il campo stesso della fotografia, suscitando un forte ascendente sui cineasti della sua epoca, primo tra tutti Sergej Ėjzenštejn. La conferenza di Marco Brioni ripercorrerà le tappe essenziali del suo percorso, evidenziando la modernità della sua opera e il lascito, ancora attuale, della sua “visione”.

Leggi tutto

“Bianco e Nero digitale” a cura di VINCENZO AMARANTE

Impariamo a creare fotografie come i grandi maestri del bianco e nero e sveliamo i segreti della pellicola applicati al digitale. Una serata dedicata alla creatività elevata all’ennesima potenza grazie alle infinite possibilità offerte dalle nuove tecnologie applicate alla fotografia digitale.

“Bianco e Nero digitale” a cura di VINCENZO AMARANTE
Bianco e nero digitale

Venerdì 12 marzo 2021, ore 21.00 sulla piattaforma Zoom l’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma ha il piacere di ospitare Vincenzo Amarante, fotografo e docente del Dipartimento Didattica FIAF, per una serata interamente dedicata alla fotografia in bianco e nero.

Argomenti trattati:

  • Gamma dinamica e concetti di HDR
  • La Previsualizzazione
  • Dall’assenza di colori al Bianco e Nero
  • Desaturazione, pellicola e risposta spettrale
  • Sistema zonale
  • Il workflow in Bianco e Nero digitale
  • Impostazione fotocamera e scatto in B/N
  • Workflow Post-Elaborazione
  • Parte pratica con esempi di post-elaborazione in B/N, dal raw alla stampa
Leggi tutto

“Leggere le immagini” a cura di Raimondo Musolino

“Leggere le immagini”  è un serata di fotografia online a cura di Raimondo Musolino dedicata ad approfondire una domanda che i fotografi si fanno spesso: “Quali elementi considerare per leggere una fotografia?”

Leggere le immagini
Leggere le immagini

Venerdì 5 marzo 2021, ore 21.00 sulla piattaforma Zoom l’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma ha il piacere di ospitare Raimondo Musolino, fotografo e docente del Dipartimento Didattica FIAF, per una serata interamente dedicata a capire come si legge una fotografia.

“Come possiamo “leggere” una fotografia? Quali sono gli elementi da seguire: il cuore o il cervello, l’emozione o la riflessione, lo studio o la pancia? Rifacendoci a Roland Barthes, la fotografia è un messaggio senza codice, non esiste un dizionario dove trovare la spiegazione dei segni presenti in una immagine, come non esiste un dizionario che associ significati precisi a un sasso o a una sedia o a una nuvola. Le fotografie, che di quelle cose sono tracce fisiche restano cose che si fanno “segno”, non come parole che “significhino” qualcosa di preciso. Allora come mi pongo di fronte ad una fotografia? Come faccio a dare un giudizio di valore (mi piace, non mi piace) se prima non “leggo” il suo contenuto. Infatti chi guarda una fotografia dovrebbe assumersi l’impegno di approfondirla, non solo di guardarla. Ma come spesso accade il fruitore (colui che guarda la foto) non ha gli strumenti adatti per giudicare e valutare una fotografia. Come è vero che anche molti fotografi non sono in grado di analizzare o leggere una foto. Questo percorso didattico cercherà di fornire alcuni elementi che potranno servire ad un approccio iniziale sulla lettura.”

Leggi tutto

Serata dedicata a “Le icone della fotografia” a cura di MARCO BRIONI

Che cosa rende iconica una fotografia? Quali sono i fattori determinanti nel processo di iconizzazione di un’immagine? Queste le domande alle quali tenteremo di rispondere in questo incontro che passa in rassegna alcune tra le immagini più iconiche dell’ultimo secolo, cercando di coglierne, al di sotto della superficie, la loro intima essenza.

Le icone della fotografia
Le icone della fotografia

Questo e tanto altro è stato ripercorso dai soci dell’ Associazione Fotografica Tempo e Diaframma nella serata dedicata a “Le icone della fotografia”, grazie alla docenza di  Marco Brioni.

Leggi tutto

“Mimmo Jodice” serata a cura di Massimo Pascutti

“ Le mie foto non nascono da occasioni, sono riflessioni sulla realtà. Guardo molto di più dentro di me che fuori. Quando concepisco un progetto può capitare che vada in giro a cercare le immagini necessarie per realizzarlo, ma sempre all’interno di una visione personale, che mi appartiene e che è silenziosa e metafisica” Mimmo Jodice

Mimmo Jodice a cura di Massimo Pascutti

Fotografo di avanguardia sin dagli anni sessanta, sempre pronto a nuove sperimentazioni ed alle ricerca di nuove capacità espressive del linguaggio fotografico. Protagonista del mondo della fotografia sia italiana sia internazionale. La sua storia e i suoi progetti sono stati narrati, in maniera accurata e coinvolgente ai soci dell’ Associazione Fotografica Tempo e Diaframma nella serata interamente dedicata a Mimmo Jodice, sperimentatore, documentatore, innovatore a a cura di Massimo Pascutti, docente FIAF.

Massimo Pascutti , fotografa dal 1987. E’ tra i soci fondatori del gruppo fotografico “EIKON” . Ha frequentato numerosi corsi e workshop di stampa analogica bianco e nero presso la Fondazione Italiana della Fotografia e presso Enzo Obiso. Ha tenuto numerose mostre personali e collettive. E’ docente , ormai da numerosi anni, dei corsi di fotografia tenuti presso l’ EIKON di cui è responsabile culturale . Conduce da diversi anni un Laboratorio di Fotografia Creativa  presso il circolo fotografico Eikon e viene regolarmente invitato presso i circoli fotografici piemontesi per tenere serate culturali e curare la progettazione di lavori a portfolio.

Un sentito ringraziamento al relatore, a tutti i soci che lunedì 8 febbraio 2021, tramite la piattaforma Zoom, hanno partecipato alla serata e soprattutto alla Fiaf, in quanto l’evento è stato realizzato nell’ambito dell’offerta di contenuti proposti ai Circoli e ai Soci dai Dipartimenti FIAF

“Mimmo Jodice” serata a cura di Massimo Pascutti

“Mimmo Jodice” è un serata di fotografia online dedicata a questo grande fotografo a cura di Massimo Agus.

“Quando fotografi devi fermare il tempo prima che lui se ne accorga e si vendichi” Mimmo Jodice

Mimmo Jodice a cura di Massimo Pascutti

Lunedì 8 febbraio 2021, ore 21.00 sulla piattaforma Zoom l’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma ha il piacere di ospitare Massimo Pascutti , fotografo e docente FIAF, per una serata interamente dedicata a Mimmo Jodice, sperimentatore, documentatore, innovatore e grande protagonista della fotografia italiana.

“ Le mie foto non nascono da occasioni, sono riflessioni sulla realtà. Guardo molto di più dentro di me che fuori. Quando concepisco un progetto può capitare che vada in giro a cercare le immagini necessarie per realizzarlo, ma sempre all’interno di una visione personale, che mi appartiene e che è silenziosa e metafisica” Mimmo Jodice

Massimo Pascutti , fotografa dal 1987. E’ tra i soci fondatori del gruppo fotografico “EIKON” . Ha frequentato numerosi corsi e workshop di stampa analogica bianco e nero presso la Fondazione Italiana della Fotografia e presso Enzo Obiso. Ha tenuto numerose mostre personali e collettive. E’ docente , ormai da numerosi anni, dei corsi di fotografia tenuti presso l’ EIKON di cui è responsabile culturale . Conduce da diversi anni un Laboratorio di Fotografia Creativa  presso il circolo fotografico Eikon e viene regolarmente invitato presso i circoli fotografici piemontesi per tenere serate culturali e curare la progettazione di lavori a portfolio.

Iscritto al Dipartimento Cultura della FIAF è Tutor fotografico nazionale , nonché Coordinatore Artistico Regionale per il Piemonte e Lettore portfolio accreditato FIAF in manifestazioni fotografiche nazionali.

L’appuntamento è lunedì 8 febbraio 2021 ore 21:00 on line. I partecipanti riceveranno link di collegamento tramite zoom nel gruppo soci di Tempo e Diaframma di Whatsapp.

Per una migliore organizzazione vi chiediamo gentilmente di confermare la propria presenza tramite messaggio su WhatsApp, in modo da poter organizzare la serata. Non saranno considerate “adesione” i parteciperò messi a questo evento su FB.

Per partecipare bisogna essere soci dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma e in regola con il tesseramento dell’anno 2021. Per potersi tesserare, sul sito dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma, alla pagina  Tesseramento si trovano tutte le informazioni e i vantaggi.

Evento online nell’ambito dell’offerta di contenuti proposti ai Circoli e ai Soci dai Dipartimenti FIAF.

 

Storie di fotografie italiane a cura di Massimo Agus

“Ogni fotografia è un contenitore di tante storie. Oltre quelle relative al soggetto rappresentato, alle vicende dell’autore e alle situazioni in cui è stata realizzata, si aggiungono le storie che quella fotografia incontra nel suo percorso nel mondo.  Durante la serata la storia della fotografia italiana viene raccontata a partire da alcune fotografie che hanno segnato in vario modo dei momenti della nostra storia e della nostra cultura.”

Storie di fotografie italiane con Massimo Agus
Storie di fotografie italiane con Massimo Agus

Ogni fotografia ha il proprio bagaglio di storie. La storia dell’autore che l’ha realizzata, la storia del soggetto fotografato, la storia di chi la guarda, la storia che si origina dopo che l’immagine è stata vista. Massimo Agus, con i suoi racconti ci ha fatto rivivere le storie di alcune immagini che hanno segnato un’epoca. Dai ritratti di Garibaldi, che immediatamente ha capito la grande funzione comunicativa della fotografia, alla prima storia-reportage dell’eruzione del Vesuvio. Dalla creazione di un’icona fotografica per trasmettere il “messaggio” voluto della fattucchiera di Colobraro, alla determinazione di Giorgio Lotti nel voler essere “dentro la storia” dell’alluvione di Firenze. Dall’origine dei paparazzi e lo scandalo dello spogliarello di Nanà, da cui fu ripresa anche una storia nel film “La dolce vita” di Fellini, alla forza comunicativa delle immagini scattate nei manicomi, che con il loro forte impatto emotivo, hanno sicuramente aiutato l’entrata in vigore della Legge180/78, detta Legge Basaglia. Infine, la forza narrativa di Tano D’Amico, con la sua capacità di raccontare un evento, attraverso la storia delle persone che ne fanno parte. Questo e tanto altro è stato esposto, in maniera accurata e coinvolgente ai soci dell’ Associazione Fotografica Tempo e Diaframma nella serata “Storie di fotografie italiane” a cura di Massimo Agus, docente FIAF.

Leggi tutto

Storie di fotografie italiane di Massimo Agus

“Storie di fotografie italiane” è un serata di fotografia online a cura di Massimo Agus.

 

Storie di fotografie italiane con Massimo Agus
Storie di fotografie italiane con Massimo Agus

Venerdì 5 febbraio 2021, ore 21.00 sulla piattaforma Zoom l’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma ha il piacere di ospitare Massimo Agus , fotografo, curatore e docente FIAF, per una serata interamente dedicata a storie di fotografie italiane.

“Ogni fotografia è un contenitore di tante storie. Oltre quelle relative al soggetto rappresentato, alle vicende dell’autore e alle situazioni in cui è stata realizzata, si aggiungono le storie che quella fotografia incontra nel suo percorso nel mondo.  Durante la serata la storia della fotografia italiana viene raccontata a partire da alcune fotografie che hanno segnato in vario modo dei momenti della nostra storia e della nostra cultura.”

Massimo Agus, nato a Cagliari, è fotografo, curatore, docente di fotografia. Dopo essersi laureato in Architettura all’Università degli studi di Firenze, matura una lunga esperienza nel campo della fotografia. Come fotografo si è dedicato alla fotografia di scena e di spettacolo. Il suo lavoro spazia dalla prosa alla danza, dall’opera al teatro di strada, dalla musica al ritratto d’artista. Vivendo a Firenze, ha collaborato con gran parte dei centri di produzione e delle compagnie toscane di teatro e di danza. Le sue fotografie sono pubblicate sulle maggiori riviste in Italia e all’estero, nonché su testi e cataloghi relativi allo spettacolo. Per quindici anni è stato il fotografo ufficiale del festival di teatro di strada Mercantia a Certaldo e del Balletto di Toscana.

Ha fotografato la città di Firenze in alcuni progetti di indagine storica sulla presenza russa e polacca nella città. Ha partecipato a mostre sia personali che collettive in Europa, negli Stati Uniti, in Russia. Nel 2004 fonda il Centro per la Fotografia dello Spettacolo, con sede a San Miniato, Pisa. Curatore del volume Fotografia e Teatralità, edito da Titivillus, dedicato alla fotografia di spettacolo. E’ direttore artistico del Festival di fotografia di spettacolo Occhi di Scena, e nel 2008 ha fondato il festival CiternaFotografia, di cui è stato direttore artistico fino al 2011.

All’attività professionale e artistica, affianca quella didattica. Ha insegnato per 15 anni Storia e Tecnica della Fotografia all’Università di Siena (sede di Arezzo); è docente di fotografia presso lo Studio Marangoni di Firenze, la LABA di Firenze, New York Univercity in Florence. Guida workshop sulla fotografia di spettacolo in Italia e all’estero. Dal 2014 è Direttore nazionale del Dipartimento Didattica della FIAF.

L’appuntamento è venerdì 5 febbraio 2021 ore 21:00 on line. I partecipanti riceveranno link di collegamento tramite zoom nel gruppo soci di Tempo e Diaframma di Whatsapp.

Per una migliore organizzazione vi chiediamo gentilmente di confermare la propria presenza tramite messaggio su WhatsApp, in modo da poter organizzare la serata. Non saranno considerate “adesione” i parteciperò messi a questo evento su FB.

Per partecipare bisogna essere soci dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma e in regola con il tesseramento dell’anno 2021. Per potersi tesserare, sul sito dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma, alla pagina  Tesseramento si trovano tutte le informazioni e i vantaggi.

Evento online nell’ambito dell’offerta di contenuti proposti ai Circoli e ai Soci dai Dipartimenti FIAF.

Serata Walker Evans

It is the way to educate your eyes, and more. Stare, pry, listen, eavesdrop.

Walker Evans
Serata Walker Evans
Serata Walker Evans

Walker Evans, conosciuto come un maestro dello stile documentaristico, nonostante volesse diventare scrittore, scopre la passione per la fotografia verso la fine degli anni venti e inizia a ritrarre l’architettura vittoriana del suo paese e la condizione umana, i volti della gente, così come le case e i paesaggi in cui abitavano. Immagini molto realistiche, con una cura nel raccontare i particolari, grazie ai quali Evans viene ricordato come uno dei più dotati fotografi di reportage della sua epoca. Nel 1938 il Museum of Modern Art di New York (MoMA) rende omaggio alle sue opere con una mostra personale, la prima dedicata da questo museo ad un fotografo.

La storia della fotografia non sarebbe stata la stessa senza il bianco e nero di Walker Evans. Il suo lascito è enorme: ha contributo a nobilitare il genere della fotografia di documentazione, sperimentato i rapporti tra immagine e scrittura. Walker Evans (1903-1975). Dopo studi in letteratura e un breve soggiorno a Parigi, divenne un protagonista della vita culturale newyorchese tra gli anni ’20 e ’30. A consacrarlo furono una serie di lavori dedicati a genti e luoghi della Grande Depressione. Nel 1938 il MoMa di New York gli dedicò la prima mostra personale in assoluto riservata a un fotografo.

Questo e tanto altro è stato ripercorso dai soci dell’ Associazione Fotografica Tempo e Diaframma nella serata dedicata a Walker Evans, grazie alla docenza di  Marco Brioni.

Leggi tutto