Una “Notte dei ritratti 2.0” tutta da ricordare

Una “Notte dei ritratti 2.0” tutta da ricordare

Notte dei ritratti 2.0: quando la fotografia diventa gioco.

 

Notte dei ritratti 2.0
Notte dei ritratti 2.0

Mario Rebeschini anche quest’anno ci ha accompagnati nella Notte dei ritratti 2.0, una performance per fotoamatori, sia esperti sia alle prime armi, ideata per riattivare insieme al piacere di fotografare i 5 sensi: UDITO, OLFATTO, GUSTO, TATTO E VISTA. Proposto nella sua nuova versione 2.0 è entrato in gioco anche il 6 senso, “le emozioni”.

Un’occasione per vivere la fotografia come un’esperienza in cui si impara mettendosi in gioco. Una serata all’insegna del divertimento, in cui la fotografia di ritratto rappresenta il filo conduttore.

La capacità di comunicare di Mario, l’entusiasmo dei soci dell’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma che hanno partecipato all’iniziativa, hanno portato il set fotografico a un innovativo piano creativo e artistico, con giochi di luce colorate e fumo.

Una serata che lascia una traccia indelebile nella memoria dei partecipanti.

Foto di Mauro Montaquila e Elio Tedeschi

Cristina Ferri

Condividi