RI-prendere: progetti di arte e fotografia

montecatone-ri-prendere-fotografia-settembre-2016ha preso il via giovedì 15 settembre, presso l’Ospedale di Riabilitazione Montecatone di Imola (Bologna), il laboratorio di fotografia denominato RI-prendere (Progetti di arte e fotografia a cura di Anna Rosati©).
“Anime” dell’iniziativa sono i fotografi professionisti Anna Rosati e il “nostro” Gabriele Fiolo – entrambi impegnati da anni in progetti rivolti al sociale – insegnerà le basi di quest’arte a tutti i pazienti interessati dell’Istituto Riabilitativo Montecatone, la nota struttura altamente specializzata nella riabilitazione intensiva delle persone colpite da gravi lesioni midollari o cerebrali. In particolare, le lezioni si concentreranno su come ottenere immagini artistiche attraverso smartphone e con macchine fotografiche reflex.
«A Montecatone – spiegano dalla struttura emiliana – è fondamentale integrare il lungo percorso riabilitativo con momenti che possano incentivare le persone a ricordarsi che non sono solo “pazienti”. Il nuovo laboratorio si va quindi ad aggiungere a quelli già collaudati di musicapittura e oggettistica. Si tratta di attività che hanno un ruolo importante per le persone ricoverate, momenti di “leggerezza” per chi deve ricostruirsi una vita dopo una lesione midollare o cerebrale».

A conclusione del percorso, le opere fotografiche create dai pazienti verranno raccolte e pubblicate in un libro d’arte i cui testi saranno curati da Roberta Caldin del Dipartimento di Scienze dell’Educazione “Giovanni Maria Bertin”, dell’Università di Bologna, referente scientifico del progetto, e da Azzurra Immediato, che curerà invece i testi critici sulle immagini. In futuro, poi, a conclusione del laboratorio, le migliori opere fotografiche verranno esposte in una mostra collettiva.

Da ricordare infine che RI-prendere – oltre ad avvalersi del patrocinio dell’Università di Bologna e del Rotary Club Bologna Valle del Savena, che in novembre presenterà il progetto nel capoluogo emiliano, attivando una raccolta fondi per la pubblicazione del volume – sarà realizzato con il supporto degli educatori professionali dell’Ospedale Montecatone e in collaborazione con l’Associazione WTKG (Willy The King Group), che da anni, tramite il suo “fondatore” William “Willy” Boselli, collabora con la struttura imolese.
«Per il nostro Ospedale – sottolinea Claudia Corsolini, coordinatrice del Programma Abilitazione e Vita Indipendente di Montecatone – i laboratori sono anche un ponte tra la fase riabilitativa e il ritorno a casa, visto che indubbiamente possono trasformarsi in un futuro hobby o anche in un lavoro. Nella fattispecie, la lunga collaborazione dei formatori con l’Associazione WTKG garantirà che la tecnica fotografica sia abbinata a uno stile scanzonato e all’attenzione alle diverse abilità dei partecipanti, permettendo anche alle persone tetraplegiche di partecipare con soddisfazione». (S.B.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Related Posts
Condividi