Partecipando all’inaugurazione della mostra Red Ants di James Oatway

Partecipando all’inaugurazione della mostra Red Ants di James Oatway

Emozioni e ammirazione all’inaugurazione della mostra Red Ants di James Oatway, per la prima volta in Italia presso la QR Gallery, per IT.A.CÀ: festival del turismo responsabile, un progetto documentario che ha vinto il Visa d’or Feature Award al Visa pour l’image di Perpignan, il più importante festival di fotogiornalismo al mondo.

Inaugurazione mostra fotografica Red Ants
Inaugurazione mostra fotografica Red Ants

L’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma venerdì 24 maggio 2019 era presente all’inaugurazione, insieme all’Associazione Terzo Tropico e a tantissime altre persone entusiaste di poter ammirare di persona il progetto. Una denuncia di una realtà, tutt’ora esistente, i cui i grandi proprietari immobiliari sfruttano le condizioni di povertà contro i ceti sociali più poveri.

In particolare la mostra racconta, in modo chiaro e con immagini che toccano il cuore, come Red Ants“, una società di sicurezza privata a Johannesburg, in Sud Africa, “assume” persone per procede a operazioni di sgombero di immobili, organizzando degli interventi in vero e proprio stile militare, far rispettare gli ordini di sfratto, anche con l’uso eccessivo della forza e di violenze. A volte vengono assunte fino a 600 formiche rosse per un’unica operazione, riconoscibili dalle tute e dai caschi rossi di marca, con i visi coperti per non essere identificati. Un evidente sfruttamento delle condizioni di povertà di una larga parte dei sudafricani, assumendoli per questo lavoro, contrapponendo così la loro povertà a quella degli abitanti abusivi degli immobili.

James Oatway è un fotografo sudafricano indipendente. Il suo lavoro ruota principalmente attorno ai temi della disuguaglianza politica e sociale e alle persone colpite dal conflitto. Nel 2015 è stato nominato Giornalista sudafricano dell’anno.

La mostra, assolutamente da vedere, è aperta tutti i giorni dalle h 9.00 alle h 19.00 fino al 23 giugno 2019.

Cristina Ferri

Condividi