Serata “Aleksander Rodchenko” a cura di Marco Brioni”

“Non sono giunto alla fotografia dal nulla, ci sono arrivato come pittore, grafico e disegnatore”

Alexander Rodchenko

La “visione” di Rodchenko, il suo modo originale e ardito di guardare alla realtà, ebbe una vasta eco non solo sulla generazione dei fotografi a lui contemporanei, ma travalicò il campo stesso della fotografia, suscitando un forte ascendente sui cineasti della sua epoca, primo tra tutti Sergej Ėjzenštejn. La conferenza di Marco Brioni ha ripercorso le tappe essenziali del suo percorso, evidenziando la modernità della sua opera e il lascito, ancora attuale, della sua “visione”.Questo e tanto altro è stato esposto ai soci dell’ Associazione Fotografica Tempo e Diaframma nella serata dedicata al grande fotografo “Aleksander Rodchenko” a cura di Marco Brioni, Docente FIAF, fondatore di Frammenti di fotografia,.

Marco Brioni ha studiato fotografia dal 2006 al 2008 al Ken Damy Fine Art Museum. Da diversi anni lavora sui mutamenti urbani e paesaggistici causati dai cataclismi storici, economici e sociali.
Nel 2010, assieme ad altri due fotografi, ha documentato il disfacimento delle architetture agricole mantovane abbandonate dai proprietari per la crisi economica. Il progetto collettivo è stato esposto in diverse città europee dal 2010 al 2015. Dal 2012 al 2016 ha realizzato uno studio sui campi di concentramento e sui luoghi di detenzione nazisti in Europa (NO-MORE)  e documentato le conseguenze architettoniche, urbanistiche e sociali delle partizioni fisiche delle città di Berlino, Belfast e Nicosia (CIT|IES). Dal 2018 porta avanti un progetto di documentazione del fronte italo-austriaco della Grande Guerra. Dal 2015 al 2018 ha condotto il programma radiofonico Mantova Eyes su RadioBase Mantova. Nel 2015, assieme a Ruggero Ughetti, ha creato “Frammenti di fotografia”, realtà culturale che si occupa di raccontare la fotografia, la sua storia,i suoi protagonisti e il suo linguaggio, collaborando con importati istituzioni quali Festivaletteratura, Festival della Fotografia Etica e Fondazione Palazzo Te. Dal 2018 è Tutor FIAF e presta il proprio operato nell’ambito di incontri culturali e letture portfolio.

Un sentito ringraziamento al relatore, agli oltre 80 soci che giovedì 25 marzo 2021, tramite la piattaforma Zoom, hanno partecipato alla serata e soprattutto alla Fiaf, in quanto l’evento è stato realizzato nell’ambito dell’offerta di contenuti proposti ai Circoli e ai Soci dai Dipartimenti FIAF.

Precedente AUGURI DI BUONA PASQUA 2021
Prossima “Il respiro trattenuto” – rassegna stampa di aprile 2021: “Gli Amici di Luca n. 75-76”
Gli amici di Luca n. 75-76

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi