IVANO ADVERSI E CRISTINA BERSELLI “GENS DE VOYAGE – PELLEGRINAGGIO DEI GITANI A SAINTES-MARIES DE LA MER”

Ivano Adversi e Cristina Berselli

L’Associazione Fotografica Tempo e Diaframma APS  e l’Associazione TerzoTropico APS, in collaborazione con l’Associazione Senza il Banco, ha il piacere di presentare per il ciclo GIROVAGO – Appunti di viaggio, IVANO ADVERSI E CRISTINA BERSELLI, con il progetto “GENS DE VOYAGE – PELLEGRINAGGIO DEI GITANI A SAINTES-MARIES DE LA MER”.

La serata è aperta a tutta la cittadinanza con partecipazione gratuita e si svolgerà Venerdì 17 settembre alle ore 21:00 presso la Casa di Quartiere “Casa Pilastro” via Dino Campana 4 a Bologna nel Quartiere San Donato San Vitale.

Ogni anno, nei giorni 24, 25 e 26 maggio, i gitani di ogni parte del mondo si ritrovano nel paesino di Saintes-Maries-de-la-Mer in Camargue, a pochi chilometri da Arles.Nel meraviglioso sfondo delle valli di questa zona del sud della Francia, si radunano per celebrare la festa delle Sante Maria Salomè e Maria Jacobè, protettrici del paese, ma soprattutto per onorare la loro protettrice Santa Sara, la santa Nera, la cui statua, per giorni viene vestita di abiti multicolore e di gioielli dai fedeli, è custodita assieme alle reliquie nella cripta della chiesa. I gitani arrivano da ogni parte almeno dieci giorni prima della festa e nei loro campi è un tripudio di colori, musica e canti che si susseguono per giorni interi. Il 24 maggio, Santa Sara viene portata in processione dalla chiesa del paese al mare, dove migliaia di fedeli si immergono per seguire le statue e per ricevere la benedizione del mare. Questa processione precede di un giorno quella, molto simile, ma sostanzialmente di fede cattolica, di quella che porterà nelle stesse acque, alla confluenza del Rodano con il mare, la barca delle sante Marie. Attorno, per tutto il periodo, rodei camarguensi assolutamente non cruenti, feste, suoni e cibo a profusione e i famosi “abrivado” con cavalli e tori, condotti dai gardians della Camargue.

Ivano Adversi e Cristina Berselli si occupano di fotografia da diversi anni. Attualmente fanno parte di un gruppo di fotoreporter e ricercatori principalmente orientati al reportage sociale, antropologico e naturalistico. Collaborano stabilmente con Antartide, centro di studi e comunicazione ambientale fondato dall’Università e dal Comune di Bologna, per il quale si occupano del settore iconografico.

Volumi fotografici pubblicati 

  • Destini incerti Animali ed ambienti da salvare per sopravvivere insieme (Edizioni Calderini), 
  • Il respiro del fiume (Edizioni Calderini),
  • Reno Memoria di un fiume (Provincia di Bologna), 
  • L’Oratorio di Santa Maria della Vita, (Costa edizioni) 
  • Terre di libertà – i volti e i luoghi del riscatto civile dalle mafie (Minerva edizioni), 
  • Une guitare itinerante  Il jazz manouche tra Francia e Italia(Alliance Française)
  • BELLA IMPRESA! Storie di lavoro e ordinario coraggio (Archivio Pedrelli)

In particolare sono esperti nel campo della multivisione e applicazioni multimediali come il Presepe, su progetto di Nino Migliori, presentato in una chiesa di Gallarate, scenografie teatrali per spettacoli su testi di Giorgio Celli e Massimo Macchiavelli, multivisioni naturalistiche e documentaristiche,  presentazione di eventi culturali e commerciali.

Nell’ambito di Bologna 2000, su progetto di Nino Migliori, sono stati tra gli organizzatori della manifestazione Bologna s’immagina, per la quale hanno anche ideato e costruito la multivisione a quaranta proiettori, presentata nella Chiesa di S.Mattia.

Sono fra gli organizzatori dello spazio espositivo QR Photogallery, a Bologna. Hanno collaborato con Pino Ninfa, Claudio Marra, Nino Migliori, Fulvio Bugani, Giorgio Celli, e altri.

Il progetto GIROVAGO fa parte di Bologna Estate 2021, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Destinazione Turistica.

La serata in presenza si svolgerà nel rispetto della normativa anti-Covid in vigore al momento dell’iniziativa.

Marco Cavazza
Precedente MARCO CAVAZZA “DOLOMITI – LE MONTAGNE NATE DAL MARE”
Prossima XV Corso Base di Lightroom dell'Associazione Fotografica Tempo e Diaframma APS
corso base di lightroom

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi